tr2DICIAMOLO FORTE AL REFERENDUM DEL 17 APRILE: NO ALLE TRIVELLE IN SARDEGNA!
NEL FRATTEMPO, IL CONSIGLIO DI STATO RINVIA A GIUGNO LA DECISIONE SUL PROGETTO-TRIVELLE DELLA SARAS AD ARBOREA

Eleonora. Si chiama così il progetto di trivellazione in Sardegna che la Saras vuole portare avanti a tutti i costi nella nostra Isola. L’area in cui la grande industria dei Moratti, che da anni sversa gli scarti delle sue lavorazioni nel nostro mare, ha intenzione di far lavorare le trivelle è quella di S’Ena Arrubia, ad Arborea. Sulle trivelle tanto volute dalla Saras si era espresso il Servizio di valutazione ambientale regionale che aveva dichiarato l’improcedibilità di tutta l’operazione. Non soddisfatta dal provvedimento però, la società aveva prontamente portato la questione sul banco del Tar di Roma, che aveva però a sua volta respinto il ricorso. Ma la Saras tiene talmente tanto al suo bel progetto “sfascia-Isola” che adesso ha impugnato la pronuncia del Tar e portato la questione al Consiglio di Stato, il quale proprio ieri ha deciso di rinviare la decisione al prossimo 9 giugno.

tr1Come in un film già visto, assistiamo in Sardegna – e nell’intera Penisola – a quello che viene fatto passare per “sviluppo” ma che altro non è che una VIOLENZA al nostro territorio e un modo per mettere altri soldi nelle tasche di chi ce le ha già piene. Il merito di tutta l’operazione è dello “Sblocca-Italia” (alias Sblocca-Trivelle!) impacchettato ad arte da Renzi e dai suoi amici per mantenere intatti i loro grandi interessi. Mentre aspettiamo giugno per avere una decisione definitiva sulle trivelle della Saras in Sardegna, il prossimo 17 APRILE abbiamo un’opportunità che non possiamo e che non ci faremo scappare: il REFERENDUM ANTITRIVELLE! Impegniamoci e facciamo sapere a chi vuole distruggere la nostra terra e i nostri mari che siamo tanti… e che il nostro NO alle trivelle è e sarà più deciso che mai! Abbiamo una enorme opportunità, COGLIAMOLA AL VOLO!

‪#‎fiatosulcollo‬

REFERENDUM 17 APRILE: VOTA SI

Commenti Facebook

commenti

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *